Audio
Il Rinascimento Umbro

Pietro Vannucci, detto il Perugino
Adorazione dei Magi

Scheda opera

 

Il Rinascimento Umbro

Una particolare declinazione del Rinascimento italiano che si sviluppa dalla seconda metà del Quattrocento con tutti gli umbri che riscuotono grande successo nella Roma papale.

Continua a leggere

Per Rinascimento Umbro s’intende una particolare declinazione del Rinascimento italiano che si sviluppa a partire dalla seconda metà del Quattrocento, con Perugino, Pintoricchio e tutta la squadra degli umbri che riscuotono grande successo nella Roma papale.

"Per arrivare a questo successo dobbiamo guardare alle radici - spiega Maria Rita SIlvestrelli - È l’ambiente locale che prepara questa fioritura e questo successo ha varie motivazioni, di carattere storico ad esempio, come il fatto che Perugino potrà andare a Roma nel 1479 prima dei pittori fiorentini a causa della congiura dei Pazzi che vedeva affrontate Roma e il Papa contro Lorenzo dei Medici.

Un artista come Perugino, che tuttavia ha formazione fiorentina, è libero di andare a Roma come cittadino Castrum Plebi; gli altri arriveranno dopo. Poi ovviamente principalissimo personaggio di questo successo delle squadre umbre sarà Pintoricchio che porta con sé diversi maestri mentre altri li trova sul posto e diventa il pittore di cinque papi, cosa non da poco. Come dice Vasari, seppe soddisfare principi e signori".

Perugia intanto si trova in una posizione geografica molto speciale che le ha permesso di accogliere una grande vivacità di stili e personaggi diversi...

"La presenza di opere dei protagonisti del gotico internazionale come Gentile da Fabriano, ha avuto una profonda influenza negli artisti locali ma ha poi lasciato il posto, nel corso degli anni Trenta, all’attività in città di artisti come Domenico Veneziano, seguito da Beato Angelico con il celebre polittico che esegue per Elisabetta Guidalotti. Si apre un’esplosione di quella pittura di luce che troverà seguaci, come Bartolomeo Caporali che dal 1442 fino ai primi anni del Cinquecento tiene una delle botteghe più importanti del tempo".

Da lì passeranno tutti, lì si farà scuola e poi ci si adeguerà alla moda corrente, a quello stile dolce peruginesco che esplode a partire dal 1473 con le tavolette di San Bernardino, dove sappiamo che lavorano a quattro mani anche Perugino e Pintoricchio.

"Quando andiamo a spiegarne le caratteristiche - chiude Silvestrelli - come l’importanza del paesaggio, ecco, questo è il rinascimento umbro: l’apertura di straordinarie, gli alberi sottili, eleganti che caratterizzano gli sfondi di paesaggio".